Toggle FullScreen

Biografia

banner_page_profile

Biografia

Standard

Giovanni Vernia nasce a Genova ad agosto del 1973. Lì vive e studia e siccome è “un bravo ragazzo che studia e si deve prendere una laura” (cfr. Totò Peppino e la Malafemmina) si laurea in Ingegneria Elettronica col massimo dei voti.
A gennaio del 2000 decide che Genova è bella, ha il mare, ma gli sta stretta e si trasferisce in cerca di fortuna e di nebbia a Milano. Trova un lavoro in una grossa società di consulenza americana e un monolocale in zona Bonola, e non consiglia entrambi a nessuno.
Acquista una pluriennale esperienza in Comunicazione e Marketing Online ma la sua passione è far ridere e lo fa principalmente imitando i colleghi agli aperitivi (a Milano abbondano sia gli uni che gli altri). Dopo qualche anno così e parecchi euro persi in aperitivi, arriva alla conclusione che per esprimersi artisticamente l’happy hour non fosse proprio il posto giusto. Così, indeciso se ricominciare tutto da una palestra (ma a Milano costa quanto il PIL della Svizzera), dal lavoro (ma i capi non gradivano e la carriera stava drammaticamente subendo inspiegabili rallentamenti) o in metropolitana (ma il giorno che l’ha deciso c’era sciopero), finisce per decidere di iscriversi ad una scuola di teatro. E non ha mai capito come mai non ci avesse mai pensato prima.
E’ qui che scopre seriamente di avere un’innata verve comica e decide di approfondirla maggiormente iscrivendosi alla Scuola Teatrale di Improvvisazione Comica.
Nel frattempo scrive e comincia a testare nei laboratori di cabaret milanesi le sue idee. In questo periodo partecipa al laboratorio Barrios (Ex Scaldasole) e conosce Manuel J. Serantes Cristal con il quale studia teatro e costruzione della maschera comica.
Nella stessa scuola stringe amicizia con Pablo Scarpelli, studia improvvisazione teatrale con lui, e insieme a lui nasce la prima battuta di uno dei suoi personaggi più riusciti: Jonny Groove.
Di seguito partecipa con il personaggio Jonny Groove ai laboratori “Zelig On The Road” di Verona e Rimini e nel 2009 il suo approdo in TV, dove è uno dei protagonisti della trasmissione Zelig.
Da lì in poi il resto, più o meno, lo sapete :)

Teen-ager

Ciao raga, sn Giovanni e sn nato a Genova d’estate.. ^_^ però nn vi diko l’anno, scopritelo su Wiki. A skuola i prof non mi hanno mai segato, xkè ci sapevo fare ;-) così ho fatto l’università e mi sn pure laureato, ke un pezzo di carta ormai ci vuole, e facevo il figo in giro cn la kravatta :-p ..Ma a Genova d’ inverno ke nn si va al mare c si rompe le palle d brutto :-( …quindi: dritto a Milano. Figata! :-) ) X mantenermi dato che i miei nn mi passavano + il grano, me ne sn andato a lavorare. Siccome il lavoro era 1 palla, o ti butti a manetta negli happy hour o te ne vai di testa. M’intrippava troppo fare 1 corso di teatro..così l’ho fatto e m’ha preso di brutto. Beh…la storia è che di giorno mi facevo 2 palle al lavoro -.- la sera nn vedevo l’ora d fare il pirla sul palco :D D!!!!!! Una sera ke non sapevo cosa fare per far ridere, il mio prof di teatro mi fa “A te kosa ti fa divertire di brutto?” “Andare a ballare la house!!!!!!” (Xkè io la commerciale non la reggo! ;-) )…Kosì mi è venuto Jonny Groove. Dopo qlk anno mi hanno visto quelli di Zelig e mi hanno detto: “Ma lo sai ke cn sto personaggio c stai dentro da paura!?”…Ke storia! :D

Baby

Ciao mi chiamo Giovanni Vernia e il mio compleanno lo faccio il 23 agosto. Ma però a volte la festa la faccio a settembre perchè in estate i miei amici sono tutti in vacanza. A scuola ero bravo. Ma ogni volta che finivo i compiti mi piaceva fare l’imitazione della maestra e dei miei amici e di mio zio e di mia zia e anche dei cantanti. Poi un giorno mi sono inventato un mio personaggio che poi è un bambino che balla sempre e che si veste strano coi pantaloni che sembrano queli della carica dei 101 e anche parla con la erre moscia. E sembra un po’ scemo. Anche se scemo non si dice. Poi quelli di Zeling anno visto che ridevano tutti quando lo facevo e poi siccome che gli piaceva anche a loro mi hano detto “Vieni da noi?” e io “Perchè?” e loro “Per fare quello che fai” e io “Perchè?” e loro “E perchè fai ridere se lo fai a Zeling” e io “Perchè?” e loro “Perchè sei un bravo bambino” e io “Perchè” e loro “Perchè il papa non è il re”. Così poi sono andato. E ho conosciuto anche Bisio e quelli della televisione e ciò tutte le foto e le ho messe sul computer. Ciao.